Cerca

Viaggiare ai tempi del Covid-19.

Aggiornato il: mar 10


L'Italia sta vivendo negli ultimi giorni una situazione davvero pesante causata dal Covid-19, in Italia attualmente ci sono più di 5000 casi e 233 deceduti.

Il web anche in questo caso si è diviso in due, tra chi lo considera banale influenza e chi è affetto da psicosi da coronavirus e vive questa situazione in estrema paura.

L'8 marzo inoltre è stata disposta la chiusura di pub, cinema e discoteche in tutto il territorio italiano (trovi qui il Decreto.) .

Facciamo chiarezza sulla situazione:

Cos'è il Covid-19? (FONTE Ministero della Salute)

COVID-19” (dove "CO" sta per corona, "VI" per virus, "D" per disease e "19" indica l'anno in cui si è manifestata) appartiene alla vasta famiglia di virus noti per causare malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi come la Sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la Sindrome respiratoria acuta grave (SARS).

I Coronavirus sono stati identificati a metà degli anni '60 e sono noti per infettare l'uomo ed alcuni animali (inclusi uccelli e mammiferi). Le cellule bersaglio primarie sono quelle epiteliali del tratto respiratorio e gastrointestinale.

Un nuovo Coronavirus (nCoV) è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente mai identificato nell'uomo. In particolare quello denominato SARS-CoV-2 (precedentemente 2019-nCoV), non è mai stato identificato prima di essere segnalato a Wuhan, Cina, a dicembre 2019.


Il nuovo Coronavirus è lo stesso della SARS?(FONTE Ministero della Salute)

No. il nuovo Coronavirus (ora denominato SARS-CoV-2 e già denominato 2019-nCoV) appartiene alla stessa famiglia di virus della Sindrome Respiratoria Acuta Grave (SARS) ma non è lo stesso virus.

Il nuovo Coronavirus, responsabile della malattia respiratoria ora denominata COVID-19, è strettamente correlato al SARS-CoV e si classifica geneticamente all'interno del sottogenere Betacoronavirus Sarbecovirus.


Perché è comparso il nuovo coronavirus? (FONTE: ISS)

La comparsa di nuovi virus patogeni per l’uomo, precedentemente circolanti solo nel mondo animale, è un fenomeno ampiamente conosciuto (chiamato spill over o salto di specie) e si pensa che possa essere alla base anche dell’origine del nuovo coronavirus (SARS-CoV-2). Al momento la comunità scientifica sta cercando di identificare la fonte dell’infezione.

Dove posso trovare altre informazioni sul nuovo Coronavirus?

Il Ministero della Salute ha realizzato un sito dedicato: www.salute.gov.it/nuovocoronavirus.


Quali sono i sintomi di una persona con COVID-19?

I sintomi più comuni di sono febbre, stanchezza e tosse secca. Alcuni pazienti possono presentare indolenzimento e dolori muscolari, congestione nasale, naso che cola, mal di gola o diarrea. Questi sintomi sono generalmente lievi e iniziano gradualmente. Nei casi più gravi, l'infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte.(FONTE Ministero della Salute)

Quanto è pericoloso il nuovo virus?

Alcune persone si infettano ma non sviluppano alcun sintomo. Generalmente i sintomi sono lievi e a inizio lento. La maggior parte delle persone (circa l'80%) guarisce dalla malattia senza bisogno di cure speciali. Circa 1 su 6 persone con COVID-19 si ammala gravemente e presenta difficoltà respiratorie.(FONTE Ministero della Salute)

Quali sono le persone più a rischio di presentare forme gravi di malattia?

Le persone anziane e quelle con patologie sottostanti, quali ipertensione, problemi cardiaci o diabete e i pazienti immunodepressi.

Il DPCM del 4 marzo raccomanda a tutte le persone anziane o affette da una o più patologie croniche o con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessità


I coronavirus possono essere trasmessi da persona a persona, solitamente dopo un contatto stretto con una persona infetta.

Questo si trasmette tramite: Saliva ( tossendo) , tatto ( toccando superfici contaminate).

Qual è la definizione di contatto stretto? (FONTE ECDC)

-Una persona che vive nella stessa casa o con cui si ha avuto un rapporto ravvicinato faccia a faccia ( distanza inferiore di 2 metri per più di 15 minuti).

-Una persona che si è trovata in un ambiente chiuso con altre persone senza tenere distanza di sicurezza ( es. sala di attesa di un medico).

-una persona che ha avuto contatto fisico con una persona infetta da Covid-9 (es. stretta di mano) o con operatori sanitari addetti a casi di Covid-19 o personale di laboratorio addetto alla manipolazione di campioni di Covid-19 senza adoperazione di DPI.

-una persona che abbia viaggiato seduta in aereo nei due posti adiacenti, in qualsiasi direzione, di un caso di COVID-19, i compagni di viaggio o le persone addette all’assistenza e i membri dell’equipaggio addetti alla sezione dell’aereo dove il caso indice era seduto (qualora il caso indice abbia una sintomatologia grave od abbia effettuato spostamenti all’interno dell’aereo, determinando una maggiore esposizione dei passeggeri, considerare come contatti stretti tutti i passeggeri seduti nella stessa sezione dell’aereo o in tutto l’aereo).

In caso di un contatto stretto è necessaria la quarantena con sorveglianza attiva come da Ordinanza ministreriale.

L’infezione da nuovo Coronavirus può essere contratta da un caso che non presenta sintomi (asintomatico)?

Secondo i dati attualmente disponibili, le persone sintomatiche sono la causa più frequente di diffusione del virus. L’OMS considera non frequente l’infezione da nuovo Coronavirus prima che sviluppino sintomi.(Fonte Ministero Salute)

Esiste una cura?

Essendo un virus nuovo non è disponibile una cura, i casi vengono trattati e curati singolarmente in base ai sintomi. Per proteggerti è necessario attenerti alle misure di sicurezza: lavare spesso le mani, mantenere le distanze di sicurezza ed evitare di toccare occhi, bocca e naso con le mani.

Se accusi dei sintomi tipici del virus come tosse o febbre alta non recarti al pronto soccorso chiama il tuo medico o il numero verde regionale.

RICORDA: Le misure di sicurezza servono a proteggere te stesso e tutelare gli altri!

In Italia c'è un elevato numero di bambini immunodepressi e di persone affette da altre patologie. La trasmissione del virus in questo caso può essere davvero pericolosa, tutelare se stessi e gli altri è un dovere morale e civile per questo è importante non sottovalutare la situazione. Rispettare le norme ministeriali permette di limitare la diffusione del virus

Per lo stesso motivo è importante anche non sopravvalutare il pericolo, informati solo su enti ufficiali quali OMS e ECDC e rispetta le ordinanze ministeriali, l'aiuto di tutti i cittadini è importante per il successo finale. Possiamo farcela se tutti danno un effettivo contributo.


Coronavirus e viaggi

ora che in linea generale ti sei fatto un'idea sulla situazione in Italia passiamo alla situazione viaggi.

Tanti paesi hanno limitato l'accesso ai cittadini italiani, se hai in programma un viaggio consulta l'unità di crisi della Farnesina Viaggiaresicuri.it o la tua agenzia di viaggi/tour operator o il sito della tua compagnia aerea.

Resta in salute durante un viaggio!

-Evita di partire in caso di febbre e tosse. Se i sintomi si manifestano in viaggio cerca assistenza medica e racconta le tappe del tuo viaggio.

-Evita il contatto con persone che presentano tosse e febbre, lava spesso le mani e non toccare occhi, bocca e naso.

-Quando tossisci o starnutisci copri bocca e naso con un fazzoletto o con il gomito flesso.

Se scegli di utilizzare una mascherina, assicurati che copra il naso e la bocca, cambiala dopo il primo utilizzo e successivamente lava le mani.

-Mangia solo cibo ben cotto e cerca di evitare il contatto con animali, soprattutto quelli da fattorie.

(FONTE OMS/WHO) Leggi qui tutte le raccomandazioni dell'OMS per il traffico aereo internazionale.


Limitazioni per l'Italia

Ecco alcune tra le principali compagnie aeree che hanno limitato i voli per

  1. American Airlines stop ai voli per Milano Malpensa fino al aprile . info qui.

  2. Austrian Airlines cancellazione del 40% dei voli per l'italia a marzo e ad aprile. info qui

  3. British AirWays : Cambio volo gratuito per tutte le prenotazioni effettuate dal 3/3 al 13/3 per qualunque data entro 12 mesi. info qui.

  4. Brussels Airlines:Limitazione dei voli e possibilità di rebooking. info qui

  5. Czech Airlines : cancellazione dei voli per Milano e Bologna info qui.

  6. Delta: modifica e cancellazioni di voli ed eliminazioni delle penali di cambio. info qui

  7. Easyjet: cancellazione di alcuni voli tra il 13/3 e il 31/3. info qui

  8. Lufthansa: riduzione dei voli fino al 25% e possibilità di riprogrammazione senza alcuna commissione. info qui.

  9. Ryanair: Cancellazione del 25% dei voli dal 17/3 al 8/4 info qui.

  10. Swiss: riduzione dei voli da e per Firenze, Milano, Roma e Venezia, possibilità di riprogrammazione senza penale. info qui

  11. Qatar Airways : cancellazione eriprogrammazione di alcuni voli info qui

  12. Wizz Air: cancellazione del 60% dei voli, blocco di alcune tratte. info qui

Per verificare se il tuo volo è stato cancellato o è ancora esistente, collegati al sito ufficiale della compagnia aerea e verifica lo stato del volo.



Collegati al sito Viaggiare Sicuri, inserisci il paese di destinazione e verifica se sono state applicate restrizioni per i cittadini italiani.

Clicca qui per cercare il paese.

Come fare con le prenotazioni di viaggi?

1. VOLI

Se il volo è stato cancellato e si desidera comunque partire, la compagnia aerea deve proporvi un volo alternativo con la medesima destinazione finale.

Quando il volo viene cancellato si ha diritto ad un rimborso completo, che può essere utilizzato per la riprogrammazione del volo.

Se si vuole cambiare la data di partenza è bene sapere che le compagnie aeree sono abbastanza disponibili, tuttavia questo può essere rischioso poiché è impossibile prevedere lo sviluppo della situazione.

Se il volo è attivo e si vuole cancellare bisogna verificare la tipologia di biglietto acquistato e se disponibile un eventuale rimborso ( con eventuale penale.) non sempre è conveniente o disponibile quando si viaggia con compagnie low cost.

2. HOTEL

In caso di prenotazione di una struttura in zona rossa è possibile chiedere il rimborso o la posticipazione della data.( causa di forza maggiore)

In caso di prenotazione in zona gialla, i soggetti a rischio (es. immunodepressi) possono richiedere il rimborso o la modifica della data.

In caso in cui il soggiorno programmato non sia in zona rossa o gialla non rientra più la causa di forza maggiore e quindi si può incorrere nella perdita della caparra.

Maggiori informazioni possono essere riscontrate nel Decreto Legge 2 Marzo.


Cosa si intende per Causa di Forza Maggiore?

I FATTI

L’esplosione dell’emergenza coronavirus ha ovviamente provocato il caos per quanto riuguarda viaggi, eventi e manifestazioni di ogni tipo. Non solo chi aveva prenotato viaggi in Cina o in altri Paesi coinvolti; anche chi aveva programmato viaggi e visite in aree diverse dai focolai, e quindi non interessate da provvedimenti limitativi dell’autorità, ma a causa della situazione determinatasi vuole rinunciare alle partenze, può richiedere il rimborso delle spese sostenute.

CAUSE DI FORZA MAGGIORE

Il fondamento del diritto a chiedere il rimborso sta nelle “cause di forza maggiore” derivanti dal Coronavirus e dall’emergenza in corso. Il contratto di trasporto/soggiorno/pacchetto di viaggio/evento acquistato dai cittadini non può essere portato a esecuzione a causa dei rischi connessi all’epidemia di Coronavirus che ha colpito tutta la Cina e si sta inevitabilmente diffondendo in tutto il mondo. Il viaggio/evento prenotato è divenuto, difatti, di impossibile realizzazione per “cause di forza maggiore” riconducibili, appunto, all’improvvisa ed imprevedibile epidemia che si sta diffondendo e non ha alcuna rilevanza, allo stato, il luogo di destinazione del viaggio/esecuzione dell’evento.

La situazione pertanto risulta inquadrabile nella sopravvenuta impossibilità di ricevere la prestazione per la quale è stato già corrisposto il prezzo o parte del prezzo con conseguente risoluzione del contratto, ai sensi dell’art. 1463 codice civile.

Il Codacons ha deciso di intervenire in favore dei cittadini coinvolti, ovvero tutti coloro che abbiano prenotato viaggi o abbiano in programma la partecipazione a eventi o manifestazioni ma non volessero prendervi parte a causa dell’emergenza sanitaria in cors.

Per questo, mette a disposizione degli interessati una diffida per chiedere alla Società interessata il rimborso totale del prezzo corrisposto per il volo/soggiorno/pacchetto viaggio/evento acquistato, e invitare l’ente competente a rimborsare le ulteriori somme corrisposte (per i necessari adempimenti burocratici sopra descritti ovvero per le spese collegate all’evento/viaggio).

Con espressa riserva, in caso di mancato positivo riscontro alla presente, di adire la competente Autorità Giudiziaria per la tutela dei propri diritti.

PER ADERIRE

1 – Per scaricare il modulo per chiedere il rimborso totale del prezzo corrisposto per il volo/soggiorno/pacchetto viaggio/evento acquistato clicca qui. Il download è gratuito.

(FONTE CODACONS)

articolo in costante aggiornamento.



This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now